Come si evolveranno i servizi cloud in futuro

Come si evolve il cloud? Ecco un’infografica interessante del futuro del cloud.

servizi cloud

L’evoluzione del cloud è sempre più rapida, grazie agli investimenti fatti dalle aziende per migliorare la propria struttura aziendale. Sicuramente si tratta di una tecnologia ormai molto comune, che consente di archiviare file e dati di grandi dimensioni direttamente in rete.

Il cloud consiste in uno spazio online che può essere utilizzato per vari scopi. Non solo per archiviare file e documenti, ma spesso questo termine indica anche applicazioni e software capaci di lavorare in rete, senza la necessità di dover installare software sul PC. Infatti esistono ormai tantissimi servizi e programmi capaci di lavorare online ed accessibili da qualsiasi dispositivo e sistema operativo.

Backblaze, azienda specializzata nel backup dei dati, ha realizzato un’infografica dove sono raccolte informazioni dettagliate e curiose sulla crescita dei servizi cloud in tutto il mondo. L’infografica raccoglie numerosi dati in modo grafico, molti dei quali sono supposizioni sul futuro. Di seguito sono state tradotte alcune delle statistiche principali, ed infine è possibile visualizzare l’intera infografica originale.

Il cloud si sta espandendo rapidamente sia nel settore business che consumer. Attualmente in tutto il mondo ci sono oltre 3.4 miliardi di persone che utilizzano internet, ovvero oltre il 46.1% dell’intera popolazione. Il traffico IP supererà 1 Zettabyte nel 2016 ed i 2 Zettabyte nel 2019. Il traffico IP globale è aumentato di 5 volte negli ultimi 5 anni e crescerà altre 3 volte nei prossimi 5 anni.

Ogni giorno vengono creati 2.5 quintilioni di dati, il 90% dei dati attuali è stato creato negli ultimi 2 anni, e si prospetta che nel 2020 verranno creati 1.7 MB di dati ogni secondo da ogni persona del mondo. Nel 2019 il traffico internet sarà 64 volte più grande di quello del 2005.

Attualmente ci sono 1,571 milioni di utenti sul cloud, e si prospetta che presto cresceranno fino a raggiungere anche i 2,045 milioni nel 2019. Nel 2020 un terzo di tutti i dati sarà nel cloud, e le aziende investiranno fino a 191 miliardi di dollari nel servizi cloud, rispetto ai 72 milioni investiti nel 2014.

70 milioni di smartphone perdono i dati ogni anni, e solo il 7% di questi riesce a recuperare i dati. Il 24% delle persone che possiedono un PC non ha mai fatto un backup del computer, e solo l’8% esegue un backup ogni giorno. Anche il 37% delle persone che ha uno smartphone non esegue un backup, rischiando seriamente di perdere dati importanti.

Il costo dei danni annuali per la perdita dei dati è di 1.7 trilioni di dollari, e potrebbe arrivare a 2.1 trilioni nel 2019. Di seguito è possibile consultare tutti questi dati interessanti in forma grafica, per avere una visione più completa ed immediata delle informazioni raccolte ed elaborate da Backblaze.

Backblaze

Fonte Backblaze

Il futuro del cloud: conclusioni

Questo è senza dubbio un settore in forte crescita che continuerà a rivoluzionare anche l’archiviazione dei dati. Se sei alla ricerca di un servizio cloud affidabile ed italiano, puoi consultare Babylon Cloud che offre numerosi vantaggi anche per le aziende.