Perchè è importante monitorare la temperatura dell’hard disk

Hai mai controllato la temperatura dell’hard disk? Ecco perché dovresti farlo.

controllare temperatura hard disk

L’hard disk è un componente delicato, che può danneggiarsi anche per una semplice caduta. Al suo interno ci sono componenti meccaniche che possono rompersi, come ad esempio le testine, graffiando la superficie del disco e compromettendo i dati al suo interno.

Non solo le cadute, ma anche un’elevata temperatura di funzionamento può danneggiare l’hard disk, provocando problemi e blocchi improvvisi. Per fortuna esistono dei sensori appositi che consentono di monitorare le temperature, ed è possibile abbassarle con dei sistemi di raffreddamento.

Di seguito sono indicati 3 motivi validi per tenere sotto controllo la temperatura dell’hard disk.

1. Prevenire il blocco del disco

Il surriscaldamento dell’HDD è tra le principali cause di crash e blocchi del sistema. Attualmente in commercio esistono dischi fissi con varie velocità, 5400 RPM, 7200 RPM e 10000 RPM. Al salire della velocità di rotazione, si hanno maggiori prestazioni in lettura e scrittura, ma aumenta anche il calore emanato dal dispositivo.

Se la temperatura raggiunge dei valori elevati, l’hard disk si può danneggiare compromettendo i vostri dati. Un disco che subisce spesso un surriscaldamento ed uno sbalzo di temperatura elevato, può andare in blocco e causare improvvisi crash del sistema. Controllando la temperatura si evitano blocchi improvvisi e perdite dei dati.

2. Risparmiare la riparazione

Quando ormai è troppo tardi e l’hard disk è stato danneggiato dalle alte temperature di lavoro, se non si possiede un backup si deve contattare un’azienda di recupero dati per tentare di salvare le informazioni perse.

Ovviamente la riparazione ha un costo, che può variare a seconda del danno subito dall’hard disk. Mantenere sotto controllo la temperatura di esercizio del disco è importante per evitare danneggiamenti, risparmiando la riparazione ed il tempo.

abbassare temperature hdd

3. Migliorare la stabilità del sistema e le prestazioni del PC

Se si utilizza il PC per diverse ore in modo continuativo, le temperature dell’hard disk possono aumentare in modo considerevole, soprattutto se si effettuano diverse operazioni di lettura e scrittura. Se il disco fisso subisce un forte aumento delle temperature, le prestazioni potrebbero subire delle diminuzioni, causando la lentezza generale dell’intero sistema.

Nel periodo estivo le alte temperature ambientali possono causare un ulteriore innalzamento dei gradi. Quindi è ancora più importante tenere sotto controlla lo stato dell’hard disk.

Per monitorare le temperature si possono utilizzare dei software gratuiti che consentono di controllare numerose informazioni. Per abbassare le temperature è possibile adoperare delle ventole per migliorare il flusso d’aria interno al PC.

Perché raffreddare l’hard disk: conclusioni

Controllare e mantenere la temperatura dell’hard disk su valori accettabile è un buon consiglio per evitare danni e perdite dei dati. Se il tuo disco fisso si è danneggiato a seguito di un’elevata temperatura di utilizzo, puoi contattarci per una consulenza.