Pokémon GO, quali sono i rischi per l’utente?

Il gioco Pokémon GO si è diffuso in tutto il mondo, ma quali sono i rischi per la privacy?

pokemon sicurezza

Pokémon GO, il videogioco per dispositivi mobile Android ed iOS sviluppato da Niantic, sta riscuotendo un enorme successo. I milioni di download ricevuti in pochi giorni fanno capire come questo gioco si sta diffondendo velocemente in tutti i paesi del mondo, Italia compresa.

Lo scopo del gioco è catturare i famosi Pokémon in giro per il pianeta, utilizzando il GPS e la realtà aumentata. Questo nuovo modo di giocare è stata l’arma vincente che ha permesso di raggiungere incredibili record di download.

Tuttavia, come spesso è accaduto anche in passato per le applicazioni più scaricate, ci si chiede se questo videogame possa interferire con la nostra privacy, raccogliendo dati ed informazioni riservate sul nostro dispositivo.

Innanzitutto il fenomeno Pokémon GO è stato sfruttato da molti malintenzionati che hanno realizzato applicazioni con malware e virus, capaci di compromettere il funzionamento dei dispositivi. Si consiglia sempre di fare il download del gioco dagli store ufficiali, senza scaricare l’applicazione da fonti non affidabili.

Sono state realizzate anche una serie di app e tool correlati al videogame che promettono trucchi, hack e vantaggi, ma spesso si rivelano essere solo dei software pericolosi che potrebbero contenere dei virus. Quindi è necessario prestare attenzione a cosa si scaricare e soprattutto da quale fonte.

Nella prima versione dell’app sui dispositivi iOS, il gioco richiedeva tutti i permessi per l’account Google dell’utente. Questo significa che Pokémon GO poteva accedere alle informazioni del profilo dell’utente Google, email, documenti, contatti. Questo bug è stato risolto abbastanza rapidamente con un aggiornamento, che ha permesso l’accesso solo al nome utente e l’indirizzo email, migliorando la gestione della privacy.

privacy pokemon go

Nonostante ciò, le informazioni raccolte dal videogame sono comunque molte, tra cui: posizione GPS, indirizzo IP, tipologia di browser, sistema operativo, la pagina web visitata dall’utente prima di accedere a Pokémon GO, le pagine ed il tempo trascorso sui loro servizi. Tutti questi dati vengono conservati per un tempo commercialmente ragionevole, com’è possibile leggere sul sito ufficiale nella sezione relativa alla privacy.

Nei termini d’uso dell’app Pokémon GO si possono trovare anche tante altre informazioni, ad esempio viene detto che scaricando ed installando l’applicazione, quindi accettando i termini di utilizzo, gli utenti accettano di non portare in tribunale la Niantic.

Pokémon GO, privacy e sicurezza: conclusioni

Dopo aver analizzato alcuni aspetti sulla privacy e la sicurezza di Pokémon GO, ecco dei consigli utili per proteggere i vostri dati:

  • Non scaricare app non ufficiali e di terze parti, potrebbero contenete virus
  • Aggiornare l’app per correggere eventuali bug di sicurezza
  • Controllare i permessi e le autorizzazioni richieste dal software

Questi suggerimenti valgono non solo per Pokemon GO, ma in generale per qualsiasi applicazione. In questo modo si possono contrastare applicazioni dannose per i dispositivi e per la nostra privacy.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone