Quali sono i principali problemi di un SSD

Il tuo SSD è affidabile? Ecco quali possono essere i principali problemi.

recupero dati ssd

L’SSD, ovvero il Drive a Stato Solido, presenta caratteristiche e prestazioni completamente diverse rispetto agli hard disk. A differenza dei dischi rigidi, l’SSD non ha parti meccaniche in movimento, quindi risulta essere sicuramente un dispositivo più resistente. Al suo interno ci sono dei chip di memoria (memorie flash NAND) che garantiscono una velocità in lettura e scrittura nettamente superiore ad un hard disk.

Anche gli SSD, così come gli hard disk, possono avere dei problemi che causano la perdita dei dati. Tuttavia i malfunzionamenti non sono di natura meccanica come per gli HDD, ma possono essere di natura logica, legati al firmware ed all’elettronica dei componenti interni.

Problemi dei componenti elettronici

La mancanza di parti meccaniche rende l’SSD più resistente. In caso di urti, un hard disk si può danneggiare con più probabilità rispetto ad un drive a stato solido. C’è però un inconveniente. Mentre il disco fisso produce un rumore durante il suo funzionamento, l’SSD non emette alcun suono. Questa caratteristica può essere un vantaggio, perché si ottiene un sistema silenzioso, ma d’altra parte può essere anche uno svantaggio.

Infatti gli strani rumori dell’hard disk ci consentono di percepire subito se sono presenti eventuali problemi e danni interni dell’HDD. Invece un SSD non emette alcun suono, e se si manifesta un eventuale danno o problema, non si è capaci di prevenire in tempo un possibile deterioramento dell’unità. Per questo motivo è molto importante fare sempre backup periodici dei propri dati per essere sicuri di non perdere nessuna informazione.

 

Problemi dischi SSD

Le memorie flash di cui sono dotati gli SSD hanno avuto un’evoluzione nel corso degli anni. I primi modelli di SSD potevano avere una vita ridotta in caso di continui cicli di scrittura sull’unità. Nel corso del tempo sono stati prodotti dei drive più duraturi che garantiscono molti anni di utilizzo, nonostante eventuali sovrascritture continue.

I componenti elettronici, così come le parti meccaniche di un hard disk, sono soggetti ad usura nel corso del tempo. Il recupero dati da SSD danneggiato elettronicamente non è semplice e richiede competenze elevate. L’utente non ha molte alternative gratuite da provare per ripristinare i documenti persi su un SSD. I software presenti in commercio sono per la maggior parte a pagamento ed è consigliato sempre rivolgersi ad esperti del recupero dati.

Inoltre le difficoltà aumentano se l’unità utilizza il comando TRIM, che di solito è sempre attivo per ottimizzare le prestazioni del sistema. Il vantaggio del comando TRIM è organizzare i file in modo da avere un rapido accesso, ma purtroppo ha la caratteristica di eliminare i file cancellati in modo moto aggressivo, riducendo le possibilità di recuperare le informazioni.

 

Prevenire i problemi dell’SSD

Non c’è una soluzione certa per risolvere i problemi che si possono presentare su un SSD. Per avere un’analisi dello stato di salute del dispositivo, si può utilizzare la tecnologia S.M.A.R.T che permette di monitorare numerosi parametri del drive, riscontrando eventuali problemi prima che sia troppo tardi.

Purtroppo, secondo le indagini svolte da Google, anche i parametri S.M.A.R.T non sono del tutto affidabili, perché un SSD, oppure un hard disk, può smettere di funzionare anche se non presenta alcun errore visibile dal pannello S.M.A.R.T.

Quindi la miglior cosa da fare per prevenire eventuali problemi sull’SSD, così come per l’HDD, è eseguire un backup periodico dei dati.

 

Problemi dell’SSD: conclusioni

Gli SSD offrono quindi una velocità molto elevata rispetto gli hard disk e sono più resistenti. L’ideale è utilizzare i drive a stato solido per velocizzare l’avvio del sistema e dei software, e sfruttare gli hard disk per l’archiviazione dei dati.

Se hai riscontrato perdite dei file sul tuo drive a stato solido ed hai bisogno di recuperare i dati, puoi contattarci a questo modulo per una consulenza.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone