Recupero dati da chiavetta USB non riconosciuta

La tua chiavetta USB non viene riconosciuta? Ecco come puoi recuperare i dati.

Chiavetta USB non riconosciuta

 

Le pen drive USB sono sempre più diffuse, e vengono adoperate per salvare tantissime tipologie di dati. Non solo documenti e foto, ma anche musica e file Word, Excel ed importanti progetti. Ovviamente non si tratta di un dispositivo indistruttibile, anzi, in alcune situazioni possono essere molto delicate.

Quando si utilizza una chiavetta USB è importante scollegarla nel modo corretto dal PC, espellendo l’unità dal pannello di Windows prima di staccarla fisicamente dalla porta USB. Questo procedimento può sembrare banale, ma in realtà è molto importante. Infatti potrebbero esserci operazioni di lettura o di scrittura in corso, e strappare letteralmente la chiavetta USB dal computer può compromettere i dati ed il suo funzionamento.

Quindi prima di avere problemi e rischiare di perdere i dati, bisogna ricordarsi di scollegare la pen drive da Windows. In questo modo tutte le operazioni vengono terminate e si può rimuovere la pen drive nella totale sicurezza senza rischiare di compromettere i file al suo interno.

In alcuni casi la semplice rimozione non è sufficiente per evitare danni. La chiavetta USB potrebbe prendere delle cadute, oppure potrebbe danneggiarsi e diventare illeggibile o non riconosciuta dal PC. In queste circostanze è possibile tentare di utilizzare dei software per il recupero dati, per osservare se questi programmi riescono a vedere l’unità danneggiata.

Nei casi più gravi bisogna rivolgersi a degli specialisti del recupero dati, come il team iRecovery. Infatti è opportuno adoperare particolari tecnologie non alla portata di tutti. Si procede con l’estrazione del chip di memoria dalla chiavetta USB non riconosciuta, e successivamente si procede inserendo il chip in un lettore apposito. Tale lettore può leggere i file salvati sulla chiavetta e quindi si possono recuperare i file dalla pen drive USB.

Recupero Dati Chiavetta

 

Come è facile intuire, alcune tecnologie sono disponibili solo in centri specializzati nel data recovery, e bisogna avere determinate competenze per poter estrarre il chip senza arrecare danni. Infatti si tratta di un dispositivo comunque delicato, che deve essere rimosso con cautela e precisione.

In alcuni casi particolari si può ricorrere anche all’installazione del chip su una nuova chiavetta donatrice. In realtà questo procedimento non viene adoperato molto spesso, perché non è semplice trovare chiavette identiche all’originale e quindi compatibili con la procedura.

Invece l’estrazione e la lettura del chip di memoria risulta essere una soluzione più adeguata che porta normalmente risultati migliori. L’utente può recuperare i suoi file salvati nella pen drive USB.

Recupero dati da chiavetta USB non riconosciuta: conclusioni

Quando si utilizza una pen drive è sempre importante assicurarsi di scollegarla correttamente da Windows prima di staccarla fisicamente dal PC. Questa non è l’unica possibile causa di danneggiamento, ma è buona norma seguire le indicazioni che sono state fornite nell’articolo per minimizzare i danni.

Se la tua chiavetta USB non funziona, puoi contattarci per una consulenza. Possiamo recuperare i dati da una chiavetta USB non riconosciuta estraendo il chip e leggendo i dati con un apposito lettore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone