4 cose da ricordare prima di spostare dati sul cloud

Il cloud è sempre più utilizzato da privati ed aziende. Ecco cosa fare prima di spostare foto e dati sul cloud.

spostare file cloud

Negli ultimi anni, il cloud è diventato un servizio ampiamente utilizzato, non solo per salvare foto e documenti di privati, ma anche per salvare dati aziendali. Questo sistema offre sicuramente numerosi vantaggi, soprattutto per la rapidità di condivisione delle informazioni e la possibilità di archiviare tutto online senza utilizzare un supporto fisico.

Il cloud ha consentito alle aziende di gestire meglio le loro attività, integrando servizi di storage, di posta elettronica e di sofisticate applicazioni. Indipendentemente dalla tipologia di cloud che si vuole scegliere, è importante ricordare alcune cose prima di spostare file, dati e documenti sul cloud. Di seguito abbiamo elencato alcuni consigli essenziali.

1. Pianificare lo spazio necessario

Gli abbonamenti cloud hanno la caratteristica di essere scalabili. Questo significa che si può iniziare con un pacchetto base per poi ampliare le proprie risorse in un secondo momento. E’ molto importante valutare quanto spazio è necessario per salvare i dati aziendali, in modo da definire le dimensioni dell’infrastruttura prima di eseguire il passaggio.

Si possono considerare i costi, avendo una previsione sufficientemente affidabile delle spese che si dovranno sostenere. La migrazione dei dati sul cloud può durare giorni o settimane, a seconda della quantità di informazioni da trasferire.

2. Tracciare tutte gli spostamenti

Per essere sicuri di non perdere dati durante lo spostamento sul cloud, è importante tenere traccia di tutti i file che vengono trasferiti.

Bisogna quindi stipulare un elenco dei file e delle cartelle da spostare, cercando di seguire passo passo l’intero processo di migrazione per garantire che ogni documento sia trasferito correttamente sulla nuova piattaforma online.

migrare file cloud

3. Verificare l’affidabilità del servizio

Prima di effettuare il passaggio, è bene valutare l’affidabilità della piattaforma. Se un’azienda che è passata al cloud è vittima di una qualsiasi interruzione del servizio, si rischiano importanti danni con perdite di denaro.

Per questo motivo, le principali società cloud offrono una garanzia del 99,9% di uptime, cioè garantiscono un’elevata affidabilità e continuità del servizio. Questo valore è elevato, ma comunque bisogna prestare attenzione alla piccola percentuale non garantita.

4. Avere un piano di emergenza

Anche se lo 0,01% può sembrare un valore irrisorio, è pur sempre un problema perché potrebbe causare un’interruzione del servizio. Quindi le aziende devono sempre avere un piano di emergenza nel caso in cui il cloud non è disponibile.

Inoltre è di fondamentale importanza effettuare un backup completo dei dati, creando delle copie dell’intera infrastruttura cloud per non rischiare di perdere dati importanti.

Cosa fare prima di spostare file sul cloud: conclusioni

In questo articolo sono stati illustrati 4 punti fondamentali da considerare prima di trasferire la propria struttura aziendale sui sistemi cloud. La sicurezza, l’affidabilità e la modularità del servizio sono sicuramente dei parametri da non sottovalutare.

Se stai cercando dei servizi cloud vantaggiosi, puoi consultare Babylon Cloud interamente italiano.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone